Benvenuto: nel blog de iQuindici

Noi, donne e uomini della Repubblica Democratica dei Lettori, inizialmente riuniti e stimolati dal comune sentire di Giap!, abbiamo risposto alla richiesta della Wu Ming Foundation costituendoci nel gruppo de iQuindici Lettori residenti

A chi non intende tacere sui Cie

A chi non intende tacere sui Cie

Sta circolando in questi giorni un appello proposto dal sito NoCie. Ci è sembrato importante e vogliamo aderire.

A coloro che intendono schierarsi apertamente, in maniera netta e senza ambiguità, per la chiusura definitiva dei Centri di identificazione ed espulsione, strutture che rappresentano concretamente il simbolo più evidente della negazione dei diritti – primo fra tutti quello della libertà personale – nonché momento estremo del controllo sociale.

Voluti dall’Unione Europea per affermare la propria definizione di fortezza che garantisce i diritti solo ad alcuni e in certi casi, messi in atto in Italia da un governo di centro sinistra, rafforzati e peggiorati dai governi di destra, i Cie sono la dimostrazione della politica espressa dal nostro Paese nei confronti degli “stranieri”, in un percorso che dal rifiuto porta alla rimozione, alla negazione dell’altro. Buchi neri del diritto nazionale e internazionale, spesso nascosti agli occhi dei cittadini nelle periferie delle città, inaccessibili e non monitorabili, i Cie sono nei fatti un’istituzione illegale, risultato di abusi giuridici e di leggi razziali come quella che introducendo il “reato di clandestinità”, nega il principio di eguaglianza.
Chi ci è entrato ha avuto modo di toccare con mano rabbia, dolore e violenza. L’estensione a sei mesi del tempo massimo di detenzione ha acuito ancora di più la disperazione, che spesso si traduce in tentativi di suicidio, in vite che si frantumano nel silenzio e nell’indifferenza. Chi ha ascoltato la voce di quelle e quelli che in maniera ipocrita vengono chiamati “ospiti”, riuscendo a sfondare il muro impenetrabile di invisibilità che nasconde i destini di persone costrette in gabbia, può affermare con nettezza che i Cie, un tempo Cpt, sono irriformabili.
Perché è inaccettabile restare rinchiusi per il solo fatto di aver varcato una frontiera per necessità, per il solo fatto di esistere e aspirare a un futuro migliore. L’esistenza dei Cie si colloca nel disegno di chi vuole uomini e donne migranti in perenne condizione di ricattabilità, impossibilitati ad accedere a percorsi di regolarizzazione, scorie finali di chi è espulso dal circuito produttivo dopo essere stato sfruttato e costretto alla clandestinizzazione.
Gabbie e cemento, nascondono destini spezzati, tentativi di rivolta, furore legittimo e repressione sistematica. Gli enti gestori, che da queste strutture guadagnano milioni di euro macchiati di sangue, provvedono a far trovare ambienti puliti alle delegazioni che riescono a entrare. Ma basta guardare negli occhi gli uomini e le donne che stanno dietro quelle sbarre, per ritrovarsi in faccia una realtà celata e rimossa.
Quella che chiediamo non è soltanto una firma di circostanza, ma un impegno duraturo.
Chiediamo che chi opera nei mezzi di informazione, nelle associazioni umanitarie, nelle istituzioni, nel mondo della cultura e dello spettacolo, si assuma, sottoscrivendo, una responsabilità precisa. Quella di forzare l’omertà che consente tale vergogna e di raccontare.
Raccontare con onestà, non fermandosi all’apparenza ma per comunicare quanto sia importante chiudere tutti i Cie.
Scegliendo oggi di disobbedire al consenso di cui gode il razzismo istituzionale. Un giorno, speriamo non lontano, luoghi infami come i Cie diventeranno simboli di una vergogna passata, da visitare per non dimenticare, per non ripetere.

Ora, iQ non hanno mai preteso di imporre una visione della Vera Letteratura. Né sul piano dei contenuti, né sul piano della forma. Abbiamo però scritto sul nostro manifesto che il lavoro che svolgiamo
“avviene in accordo con una visione politica ed etica del mondo, che consideriamo parte integrante del progetto: affermiamo di riconoscerci nei principi dell’antifascismo e della lotta di resistenza che oggi vengono perseguiti attraverso la difesa della laicità come base per l’organizzazione della vita civile, dell’uguaglianza tra le persone, della libertà di espressione e dei diritti nei luoghi di lavoro, facendo inoltre nostre anche le istanze dei movimenti che si battono per la tutela dell’ambiente e una equa distribuzione delle risorse tra i popoli del mondo. ”

Questo è uno dei casi in cui non ci sentiremmo a posto se non ci assumessimo la responsabilità che i proponenti dell’appello ci chiedono. E se non la chiedessimo anche a chi ci accorda fiducia.
Il che non vuol dire, naturalmente, che, se scrivete racconti che non parlano di CIE (o di qualunque altra cosa), li cestineremo; solo, non nascondiamoci dietro la Repubblica delle Lettere per non vedere il mondo che ci circonda: troviamo, ognuno con la propria sensibilità, ognuno con la propria storia, il modo per confrontarci con la realtà. Si può scrivere di cose che apparentemente non c’entrano, e farci entrare le nostre esperienze, si può… boh, niente, ci fidiamo di chi ci manda le proprie opere: saprete meglio di noi cosa fare. Fatelo ora.

L’appello si può firmare qui.

iQuindici